Won’t back down – Una scuola per Malia

Won_t_Back_Down_posterDurante le lezioni all’Università capita spesso che ci mostrino spezzoni di film per aiutarci a riflettere, a vedere diverse realtà e prendere spunti: tra questi quello che mi ha colpito di più è stato Won’t back down – Una scuola per Malia.

La pellicola è tratta da una storia vera, accaduta nel 2010 a Los Angeles, dove un gruppo di genitori denunciò e lottò contro la corruzione della scuola pubblica. Deciso di fare una petizione e riuscirono così, ad ottenere il controllo sulle decisioni interne all’ambito scolastico. La drammatica storia di due madri, due donne rappresentanti due contesti sociali ben distinti, ma che decidono comunque di allearsi per un fine comune: il bene e la salvaguardia dei bambini.

Jamie (Maggie Gyllenhaal) vive un’esistenza frettolosa, cerca di dare l’istruzione migliore alla figlia Malia che soffre di dislessia, ma ogni scuola o è troppo costosa o rimangono in lista d’attesa, malia quindi si ritrova in una scuola in cui gli insegnanti non si interessano minimamente ai bambini, come loro stessi ammettono “sono li solo per i soldi”.
Nona (Viola Davis), invece, è un’insegnante della stessa scuola ma che, al contrario del resto del corpo docenti, non si da per vinta e vorrebbe cambiare le cose, anche se non ne ha il coraggio.
Le due donne, madri, decidono di unire le loro forze per poter cambiare le cose, per poter creare una scuola adatta a tutti, in cui gli insegnanti siano li per insegnare e per i bambini.

wont-back-down1

Consiglio questo film a tutti quanti: genitori, insegnanti ma anche alunni e studenti!
Chiunque dovrebbe vedere questo film e rendersi conto che la scuola e l’istruzione ci accomuna tutti,
sta alla base di ogni nostra esperienza e conoscenza!
E quindi nessuno ne deve essere privato o la deve odiare!

Buona visione!

Eli

Annunci

#primogiornodiscuola

Back to School

[Photo from Web]

Con circa un mese di ritardo, finalmente anche io ho avuto il mio tanto atteso primo giorno di scuola!

Oggi ho avuto la possibilità di ricominciare il mio tirocinio a scuola e quest’anno tocca alla scuola elementare. Grazie al mio corso di laurea ho la possibilità di entrare a scuola, vivere esperienze come una vera maestra e tenere delle lezioni nella classe cosi da poter imparare ed insegnare contemporaneamente.

Durante i primi giorni di scuola, la rete era invasa da riflessioni sul primo giorno di scuola: c’erano genitori parlavano delle corse per non arrivare tardi a scuola o della grande emozione di veder crescere i bambini cosi in fretta… oppure c’erano gli adolescenti che già si lamentavano dei professori, degli orari, della noia…

Cosi mi sono ritrovata a pensare… ma io quanti primi giorni di scuola ho già vissuto? come sono stati?

Allora ho cominciato a scrivere e pensare, ma mi sono anche resa conto che stava diventando una cosa lunga e noiosa, una lunga serie di riflessioni, nostalgie e aneddoti senza capo ne coda.
Ma se siamo nell’era digitale: perché non usare uno degli social più popolari del momento, utilizzato da grandi politici e star del cinema ma anche da noi comuni mortali? Visto che io stessa non sono capace a darmi un contegno, perché non farmi aiutare dai riduttivi 140 caratteri di Twitter??

Esatto! Ho deciso di riassumere brevemente i miei primi giorni di scuola con un breve tweet, cosi da catapultarmi dagli anni

’90 al nuovo millennio!

#labambinaconilgremiulerosa Grembiule rosa, cerchiello nei capelli e tanta voglia di giocare.
“Ciao, sono Elisabetta. Vuoi essere mia amica?” Pronta per questa nuova avventura!

#primogiornodiscuola Oggi comincio la  scuola elementare!
E’ solo 5 gradini più in alto della scuola materna. Sarà tanto diversa??

#orasonoallemedie Zaino nuovo, classe, nuova, compagni vecchi. Altri 10 gradini in più.

#finalmentecambioscuola Dopo 11 anni finalmente cambio scuola!
Non dovrò più rivedere le suore nè mangiare in mensa!
5 anni ed è tutto finito! Coraggio!!

#sonounamaestra Il grande giorno è arrivato!
Solo io e una classe di bambini! Ansia come prima di un esame o forse questo è peggio!
Ora tocca a me! #imateacher

e il vostro #primogiornodiscuola come è stato?

Raccontate, ripensate, rivivete!

Eli

Hello there!

Ciao a tutti!

Il primo post sul blog! Uao! Ammetto di essere un pò emozionata, ma vedrò di superare questo “blocco dello scrittore” iniziale ( non è il massimo cominciando a scrivere un blog) e raccontarvi qualcosa di me:

sono Elisabetta (Eli), ho 21 anni, 2 grandi occhi azzurri e lunghi capelli biondi. Vivo a Padova e frequento l’Università dove studio Scienze della Formazione Primaria, sperando un giorno di diventare maestra della Scuola dell’Infanzia, più comunemente conosciuta come scuola materna. Diventare mastra è sempre stato il mio sogno, fin da bambina il mio gioco preferito era insegnare, che fosse con i miei fratelli o con le mie amiche, dovevo essere sempre io quella che spiegava i giochi e che dirigeva le operazioni!

Amo moltissimo la fotografia, solitamente il mio cellulare e la mia macchina fotografica sono pieni zeppi di foto che poi si rivelano inutili o insulse,ma non posso fare a meno di fotografare qualsiasi cosa! Amo molto anche cucinare, avere le mani in pasta mi rilassa moltissimo e adoro vedere la faccia delle persone quando assaggiano e apprezzano qualcosa che ho cucinato io.Amo stare in mezzo ai bambini, con la loro confusione e le mani perennemente sporche, i sorrisi e la voglia di crescere ed imparare.

L’idea di questo blog nasce dalla voglia di condividere le mie esperienze a scuola ma non solo, le mie esperienze nella vita di tutti i giorni! Sarà un avventura all’insegna dei lavoretti e dei pasticci in cucina, di ricordi ed esperienze, il tutto condito da una buona dose di fotografie e semplicità.

Eli