Comfort Food || Cibo per l’anima

Comfort food

Credo che con le gambe sotto al tavolo e la pancia piena, la vita sia migliore!

Cos’è il comfort food? Non è solo una parola che sta prendendo molto piede in Italia ma è quel piatto pieno di nostalgia, quel piatto che ti riporta ai tuoi ricordi d’infanzia, che ti tira su di morale in una giornata grigia. Non sono necessariamente a base di cioccolata. Possono anche essere un panino con burro e marmellata o un buon ragù, cibi di cui ricordi ancora il profumo quando entravi a casa dopo un pomeriggio in giardino. Piatti poco elaborati ma strutturati a forza di affetto.

A Proust è bastato intingere un biscotto al burro nel tè per far tornare alla mente piacevoli ricordi d’infanzia. Quel dolcetto francese a forma di conchiglia, la madeleine, è forse il più noto esempio di comfort food della letteratura. Ognuno ha il suo piatto consolatorio di riferimento, anche se forse fino ad oggi non tutti conoscevano il nome con cui gli esperti definiscono questo particolare connubio tra cibo ed emozioni.

Per me è l’uovo sbattuto. Spesso il mio papà me lo preparava la domenica mattina, una colazione sostanziosa, un carico di energia per affrontare al meglio la giornata, che regolarmente passavo a giocare con i miei fratelli in giardino.

Uovo sbattuto

Oppure pane, burro e marmellata. Questa era la classica colazione in montagna: che fosse estate o inverno la mia mattinata cominciava sempre con una fetta di pane (sempre e solo le rosette fresche del fornaio), burro di malga e marmellata o di fragole o di albicocche.

Pane, burro e marmellata

Da qualche tempo a questa parte un’altro cibo che mi rende felice sono i pancakes accompagnati da crema mou. Non li ho scoperti da tantissimo, non sono legati alla mia infanzia, ma sicuramente alla mia adolescenza e ai miei deliri universitari. Li ho sempre visti nei telefilm americani e un giorno ho deciso anche di provarli:sono stati una rivelazione!

Pancakes

Un altra coccola irrinunciabile è il gelato. Non si può mai sapere quando si ha bisogno di coccole, così il pronto intervento è sempre disponibile in freezer. I gusti irrinunciabili per me sono nocciola, stracciatella e menta.

Gelato

Un’altro comfort food a cui non posso proprio rinunciare è il ragù. Ogni volta che mia mamma lo preparava si diffondeva per tutta la casa un profumo meraviglioso, che mi faceva venire l’acquolina in bocca; e spesso, oltre a metterlo sulla mia porzione di pappardelle (il ragù si mangia necessariamente e solamente con le pappardelle!!!!) ne prendevo un po’ sul piatto da gustare da solo!

Ragù

Questi sono i miei comfort food (ovviamente quasi tutti dolci 😉 )

E voi? Qual’è il cibo che vi fa stare bene? Quello che vi ricorda la vostra infanzia? Raccontate!!

Eli

Reading Challenge 2015

reading-challenge-2015

Spulciando qualche blog qui e li ho trovato spesso autori che invitano a partecipare alla Reading challenge 2015.
Consiste in una sfida contro sé stessi: la lista è composta da ben 50 obiettivi, (e 50 libri da leggere in un anno sono veramente tanti). Una bella sfida, non c’è che dire. Per me, purtroppo, a causa di impegni, lavoro, studio… il tempo da dedicare alla lettura è veramente poco, ma voglio cogliere questa iniziativa come un incentivo a coltivare questa passione. Porsi degli obiettivi è un buon modo per mantenersi in allenamento, ci saranno sicuramente periodi di lettura più rapidi e periodi in cui si è no riuscirò a leggere 10 pagine al giorno (se è tanto).

Personalmente ho deciso di seguire questa iniziativa perché, oltre ad essere interessante e divertente, trovo che sia un ottimo modo per scoprire libri nuovi, nuovi mondi, nuove sensazioni.. e un lettore di queste cose ha sempre bisogno.

Vi riporto qui sotto gli obiettivi della lista:

wpid-reading-challenge-jpg

Un libro con più di 500 pagine
– Un romanzo classico
– Un libro che è diventato film
– Un libro pubblicato in questo anno
– Un libro contenente un numero nel titolo
– Un libro scritto da qualcuno con meno di 30 anni
– Un libro con personaggi non umani
– Un libro divertente
– Un libro scritto da una donna
– Un libro del mistero o un thriller
– Un libro che abbia per titolo una sola parola
– Un libro di storie brevi
– Un libro ambientato in un altro paese
– Un libro di saggistica

Il primo libro di un autore popolare
– Un
libro scritto da un autore che ami ma che non hai mai letto
– Un libro che ti ha raccomandato un amico
– Un libro vincitore del premio Pulitzer
– Un libro basato su una storia vera
– Un libro che si trova in fondo alla tua lista desideri
– Un libro che tua madre ama
– Un libro che ti spaventa
– Un libro scritto da più di 100 anni
– Un libro basato interamente sulla sua copertina
– Un libro che avresti dovuto leggere durante la scuola, ma che non hai mai letto
– Un memorial
– Un libro che puoi finire in un giorno
– Un libro che presenta dei contrari nel titolo
– Un libro ambientato in un luogo che hai sempre voluto visitare
– Un libro pubblicato nel tuo anno di nascita
– Un libro con cattive recensioni
– Una trilogia
– Un libro dalla tua infanzia
– Un libro che tratta di un triangolo amoroso
– Un libro ambientato nel futuro
– Un libro ambientato alle scuole superiori
– Un libro che contenga un colore nel titolo
– Un libro che ti ha fatto piangere
– Un libro che parla di magia
– Una graphic novel
– Un libro di un autore che non hai mai letto prima
– Un libro che possiedi, ma che non hai ancora letto
– Un libro ambientato nella tua città natale
– Un libro che in origine era scritto in un’altra lingua
– Un libro ambientato durante il natale
– Un libro scritto da un autore che abbia le tue stesse iniziali
– Un libro di genere teatrale
Un libro censurato
– Un libro basato/trasformato in una serie tv
– Un libro che non hai mai finito di leggere

Questa, cari lettori, è la lista del reading challenge 2015.

Che dite, vi ho incuriositi almeno un po’??
Io, con quasi un mesetto di ritardo, ci provo!

Eli

Blueberry Muffin

Muffin ai mirtilii

I Muffin sono i classici dolcetti americani soffici e gustosi, preparati con un impasto molto semplice di farina, latte, uova, zucchero e lievito in polvere.
Ne esistono moltissime versioni diverse, sia dolci che salati, e quelli che vi propongo oggi sono arricchiti da golosi e profumati mirtilli.

INGREDIENTI:

200 gr di zucchero
2 uova
100 gr di burro sciolto
250 gr di farina
1/2 bustina di lievito
10 cucchiai di latte
1 bustine di vanillina
Mirtilli (freschi o surgelati)

PROCEDIMENTO:

Unire in una ciotola lo zucchero e le due uova e mescolare con le fruste.
Quando avrete ottenuto un composto chiaro ed omogeneo aggiungere anche il burro fuso e continuare a mescolare.

Preparazione
Dopo di che setacciare la farina dentro la ciotola insieme al lievito e alla vanillina.
Infine versare il latte e continuare a mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo.

Preparazione
Quindi aggiungere anche i mirtilli ed inglobarli nel composto.

Accendere il forno statico a 180°.
Versare il composto nei pirottini preventivamente inseriti nella teglia da muffin.

Infornare per circa 20 minuti

20150121_184350

eeeee…..Buon Appetito!!

Muffin ai mirtilli

Fatemi sapere se provate la mia ricetta!

Eli

Exams playlist

L’esame di maturità non si scorda mai.
Così come le successive sessioni d’esame all’università.
Sono un periodo che passi in apnea, sommerso dai libri, perso in un mare di appunti, cercando disperatamente un’ancora di salvezza e di tirare un respiro di sollievo.

A volte un paio di cuffie aiuta a superare questi scogli che sembrano insormontabili.
Secondo una statistica di Spotify, famoso servizio di musica in streaming, gli studenti rendono di più se ascoltano canzoni mentre studiano.

Musical Mind
Secondo lo studio della dottoressa E. Gray, la musica classica stabilizza il cuore.
Con 60-70 battiti al minuto, gli studenti che ascoltano questo genere possono arrivare a raggiungere in media un punteggio più alto del 12 per cento nelle prove di matematica. È circa un voto in più.
La musica pop, 50-80 battiti cardiaci al minuto, ha un effetto calmante sulla mente, permette buoni risultati in materie scientifiche, Lingue e Studi umanistici.
Il rock migliora invece l’apprendimento di Inglese, Teatro o Arte, perché l’eccitazione aumenta la creatività.

Working Hard

Per le mie sessioni d’esame, che sono state davvero tante e per ora (purtroppo) non sono ancora finite, ho creato una playlist ad hoc per darmi la carica e il coraggio di affrontare la mole di libri che mi aspettano sulla scrivania, ma che spesso accompagna anche le mie crisi isteriche e i miei pianti disperati.

La playlist parte da I’ve got the power degli Snap,
è una canzone perfetta per i primi 3/4 giorni di studio, quando ancora ti illudi di potercela fare,
quando pensi che riuscirai a studiare tutto in due settimane anziché in due mesi.

I've got the power

Dopo qualche giorno ti rendi conto che potresti non farcela, che hai bisogno di un tifo, di un po’ di carica,
ed è in questo momento che entra in gioco Eye of the tiger dei Survivor.

rocky-training

Di tutt’altri toni, invece, è We are the champions dei Queen, per i momenti in cui ti senti irrealisticamente ottimista, in cui senti di essere invincibile e di potercela fare!

We are the champions

Al contrario, per quando ti senti scoraggiato, per quando hai il morale a terra e non vedi più la luce in fondo al tunnel e si è spento anche l’ultimo barlume di speranza, la canzone giusta è Uno su mille ce la fa di Gianni Morandi.

Uno su mille ce la fa

Tra i momenti di ottimismo irreale e quelli di scoraggiamento (molto più reali) se ne insinuano alcuni di vero e proprio panico, ed è per questo che nelle orecchie comincia a rimbombare
la voce di Luca Dirisio con la sua Calma e sangue freddo.

Yoga

Alla fine arriva finalmente la settimana prima del tanto agognato esame, settimana durante la quale concentri tutti i tuoi sforzi, in cui ti accorgi che quando ti illudevi di studiare in realtà non era cosi!
E’ la settimana in cui parte The final countdown degli Europe.

final countdown

Durante la settimana ti rendi conto di non avere quasi nessuna possibilità e cominci a sperare in una catastrofe che faccia saltare l’esame, un’ invasione di cavallette o un crollo dell’Università, un miracolo o un ‘inspiegabile magia dentro di te.
e’ cosi che cominci a spararti I’ve got the magic in me di B.o.b.

tumblr_lmpwt9JMim1qbg690o1_500

Alla fine arriva LEI.
La più temuta e la più cantata, quella passata sui libri cercando di imparare tutto a memoria, quella con i libri sotto al cuscino sperando in un osmosi improvvisa, quella passata a provare qualsiasi intruglio e pozione per la memoria, quella che non si dimenticherà mai!
La Notte prima degli esami di Antonello Venditti

Notte prima degli esami

E dopo la fatidica notte arriva il fatidico giorno!
E’ il giorno dell’esame!
Quando ti svegli ti senti potente, senti che potresti spaccare il mondo, o meglio prendere 18  30 all’esame!
Ti vesti, fai colazione, esci di casa e senti che nell’aria risuona una canzone:
Momenti di gloria dei Vangelis.

30

Queste sono le mie canzoni da sessione d’esame e studio matto e disperatissimo!
E voi? Avete una playlist per qualche momento particolare?

I love music

Eli

…”Brusa a vècia”

La Befana vien di notte,

con le scarpe tutte rotte,

con le toppe alla sottana,

viva viva la Befana!

Buona Epifania a tutti!

È passata a trovarvi la befana questa notte?

Vi siete rimpinzati con tutti i suoi dolci?

images (2)

Oggi a Padova abbiamo tradizionalmente

bruciato “la vècia”!

100022482 (1)

Il rito di bruciare la befana è ricco di tradizioni secondo cui nella bruttezza della vecchietta è racchiuso tutto il negativo dell’anno trascorso, incapsulato in questa figura sacrificale che porta via tutto, e il fuoco su cui brucia scaccia le presenze maligne ed evoca, contemporaneamente, la luce solare di cui si auspica il rapido ritorno dopo il solstizio invernale.

Qual’è la vostra tradizione per l’Epifania?

Raccontatemela!

La vostra Befana

Eli

2015

crisi-anno-nuovo-730x365

Mancano ormai poche ore all’arrivo del nuovo anno ed io con un pizzico di nostalgia saluto questo 2014.

E’ stato un anno ricco di emozioni e di attimi che resteranno di certo impressi nel mio cuore ma purtroppo non sono mancati i momenti brutti quelli che ti segnano e ti rendono più forte di prima.

Ho voglia di vivere la vita con più leggerezza.

Camminare a piedi nudi in pigiama con in mano una tazza di tè alla mela.

Rimanere sul divano accoccolata davanti ad un bel film.

Mangiare carboidrati e cioccolato senza pensare all’ago della bilancia.

Voglio ogni giorno esprimere un desiderio e sperare che domani si avvererà.

Voglio più tempo da trascorrere con la mia amica mangiando cupcake accompagnate da fiumi di parole e risate.

Ridere sempre ogni giorno e voglio ricordarmi di farlo con il cuore.

Smettere di correre ma camminare piano e vivere delle piccole cose.

Cucinare giornate intere con pensieri leggeri e frivoli.

Abbracciare a lungo ma abbracci che durano un’eternità.

Ed infine SOGNARE…

A tutti voi che mi leggete e che avete un sogno che ancora non avete realizzato ma che volete con tutto il cuore posso dire continuate a sognare e credeteci fino in fondo.

Fatelo senza riserve, se volete piangere fatelo pure ma non smettete mai di sognare.

I sogni ci rendono vivi, ci rendono felici e ci danno una speranza di credere nel futuro.

Eli

New Year 2015 formed from sparking digits over black background

Merry Christmas

Christmas presents

A chi ama dormire ma si sveglia sempre di buon umore,
a chi saluta ancora con un bacio,
a chi lavora molto e si diverte di più,
a chi ha l’entusiasmo di un bambino e i pensieri di un uomo,
a chi va in fretta in auto ma non suona ai semafori,
a chi arriva in ritardo ma non cerca scuse,
a chi spegne la televisione per fare due chiacchiere,
a chi è felice il doppio quando fa la metà,
a chi si alza presto per aiutare un amico,
a chi vede nero solo quando è buio,
a chi non aspetta il Natale per essere migliore…

Con questa semplice frase e questo brevissimo post voglio augurare a tutti voi un felice Natale da passare con le persone che amate, condividendo momenti felici e gioiosi!
Abbuffatevi e godetevi le gioie della cucina in questi giorni di festa!

coffee

Buon Natale a tutti!
Merry Christmas to all!
Joyeux Nöel a tous!
Feliz Navidad a todos!

Eli